Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Un mondo di Refosco a Palazzo Manzioli

    ISOLA| Palazzo Manzioli ospiterà il 9 febbraio il quinto Festival internazionale “Refuscus Mundi – Un mondo di Refosco”, dedicato interamente ai vini ottenuti dal vitigno refosco. Alla manifestazione saranno presenti i viticoltori delle regioni vinicole slovene, dell’Istria e del Carso, ai quali si uniranno i colleghi italiani e croati. Le degustazioni avranno luogo tra le ore 14 e le 21. In mattinata invece, a Capodistria, si terrà un simposio specialistico di portata internazionale, intitolato “Il Refosco va nel mondo - I vini locali sul mercato globale”.
    Come rilevato dagli organizzatori, il Refosco è un’antica vite, la più importante e diffusa nei territori dell’Istria settentrionale e del Carso. Seppure si tratti della stessa varietà, in Istria viene prodotto il Refosco, mentre dalla terra rossa del Carso si ottiene il Terrano.
    Analoghe varietà che portano nomi uguali o simili prosperano anche nel Friuli, dove il re è indubbiamente il Refosco dal peduncolo rosso, seguito dal Refosco di Rauscedo e dal Refosco di Faedis, detto il Refoscone.
    Il Festival “Refuscus Mundi” è un rimarchevole luogo d’incontro che permette ai produttori e al loro pubblico di incontrarsi, un’occasione per dare sfogo a tutto il potenziale del Refosco e alle sfumature che la varietà propone. I vini sono contraddistinti da caratteristiche come il profondo colore rubino e uno spiccato aroma fruttato e fresco. Per molto tempo il Refosco è stato considerato un vino giovane e soltanto negli ultimi due decenni i viticoltori hanno consolidato il suo carattere, facendolo affinare e rendendolo un vino maturo e austero. Dal vitigno refosco si producono vini diversi: rosati, spumanti, vini giovani, vini maturati corposi e vini di uva passita, con concentrazioni zuccherine più alte. Questa varietà di rosso è la più diffusa in Slovenia. Per il suo alto contenuto di antiossidanti, al Refosco vengono attribuite proprietà benefiche.
    La parte centrale del Festival “Refuscus Mundi – Un mondo di Refosco” sarà impostata sulla degustazione dei vini proposti, che per piccoli gruppi di studio saranno guidate da eminenti esperti.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 25 Gennaio 2019 11:50

    Articoli più letti

    Error: No articles to display