Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Bilinguismo: passi avanti al Comune

    ISOLA | Seduta ordinaria mercoledì sera del Consiglio della Comunità autogestita della nazionalità italiana di Isola dedicata a questioni finanziarie e al bilinguismo. I consiglieri hanno approvato la proposta di assestamento del piano finanziario 2019, dopo che è stata data luce verde dal Consiglio comunale al Bilancio di previsione per l’anno corrente. Viste le difficoltà in cui si dibatte la municipalità, sono state tagliate parzialmente le sovvenzioni, comprese quelle relative alla Comunità Nazionale Italiana. Dalla richiesta iniziale, infatti, sono stati depennati poco più di 24mila euro. Come spiegato dal presidente, Marko Gregorič, non sono assolutamente in pericolo le attività delle due Comunità degli Italiani isolane. Saranno operati tagli eventualmente ad altre voci che non intaccano il programma di lavoro già in vigore. Si confida che con l’assestamento del bilancio municipale, previsto per il secondo semestre dell’anno, le risorse possano rientrare. Rispondendo alla domanda del vicepresidente, Enzo Scotto Di Minico, che ha parlato a nome di alcuni connazionali e attivisti, è stato assicurato che procedono regolarmente i preparativi per l’ascensore della sede della Comunità italiana isolana. Si attende la licenza edilizia per poter aprire quanto prima il cantiere. Il presidente Gregorič si è poi soffermato sull’attuazione del bilinguismo. Rifacendosi anche alle recenti decisioni prese dalla CAN costiera che, assieme al deputato Felice Žiža, dialoga costantemente in merito con il governo e i competenti dicasteri, è stato deciso di rilanciare anche a Isola la già esistente procedura per censire le violazioni del bilinguismo visivo nei rapporti con le istituzioni statali e gli enti pubblici. I connazionali sono stati sollecitati a riferire di omissioni alle norme sull’uso dell’italiano nella vita pubblica, inviando un messaggio all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli interessati saranno aiutati dalla funzionaria incaricata, Clio Diabatè, a presentare i ricorsi agli uffici competenti nell’intento di rimuovere il mancato rispetto del bilinguismo. Gregorič e il consigliere Robi Štule, hanno rimarcato che non bisogna calcare la mano sulle sanzioni contro gli inadempienti, ma piuttosto sensibilizzare chi di dovere affinché i diritti della CNI siano rispettati. Come esempio di buona prassi è stato citato il recente caso delle nuove indicazioni per le piste ciclabili, esposte soltanto in sloveno. Dopo l’intervento dello stesso presidente della CAN e dei consiglieri comunali italiani, l’errore è stato corretto.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 26 Aprile 2019 11:40