Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Bilancio, il primo scoglio superato per un soffio

    PIRANO | Dopo l’ennesima burrascosa seduta del Consiglio comunale di Pirano di giovedì sera, la bozza di bilancio rivista per l’anno in corso è comunque stata approvata dalla maggioranza dei consiglieri con 12 voti a favore, 6 contrari e altrettanti astenuti. Dalla nuova proposta è stato tolto l’importo destinato alla Casa degli sport acquatici. Per questo progetto, che molti consiglieri reputano controverso, il Comune ha garantito una somma per la revisione, tenendo conto delle osservazioni mosse al testo di Bilancio ritirato. La cifra, di poco superiore al mezzo milione di euro, è stata quindi suddivisa in importi minori per vari investimenti, come il risanamento delle strade comunali, per le quali sono previsti 170mila euro e ulteriori 50mila euro alle vie di Pirano, mentre 14mila euro sono previsti per le aree verdi delle rotatorie nel Comune. Aumenta anche il contributo ai neogenitori, che ammonterà a 250 euro, rimangono invariate, invece, le voci riguardanti la Comunità Nazionale Italiana. Ricordiamo che la proposta di Bilancio era stata ritirata dal sindaco, Đenio Zadković, dopo l’interminabile seduta del mese scorso, poiché nemmeno i consiglieri del suo Movimento per il Comune di Pirano (GZOP) l’avevano approvata. La ratifica della Finanziaria, ammontante a 31,4 milioni di euro, rimane, comunque, in bilico in attesa della seconda lettura prevista per il mese prossimo, visti i numerosi dubbi espressi da diversi consiglieri. La bozza di Bilancio ha avuto, inoltre, parere negativo da parte di alcune Commissioni. Sono proprio i consiglieri del partito del sindaco ad avere più dubbi, in particolare riguardo il progetto di costruzione del Poliambulatorio a Santa Lucia, i cui lavori sono già stati avviati. Il consigliere Davorin Petaros, ad esempio, ha espresso il sospetto che i costi fossero gonfiati. Il direttore dell’Amministrazione comunale Aleš Buležan ha richiamato l’attenzione su possibili azioni legali se il Comune si ritirasse dal progetto. In questo caso ci potrebbero essere pene pecuniarie per un valore superiore al milione di euro. Diversi consiglieri hanno ritenuto che gli eventuali dubbi sull’investimento in questione non dovrebbero bloccare l’approvazione del Bilancio, poiché vi sono istituzioni competenti presso le quali sarebbe possibile avviare una revisione del progetto.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 27 Aprile 2019 09:57