Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Fiume CEC, invito ai potenziali partner

    By Ivana Precetti Aprile 05, 2019 334
    Fiume CEC, invito ai potenziali partner foto: Ivor Hreljanović

    Fiume si sta preparando a pieno ritmo per prendere in consegna, tra poco meno di nove mesi, il timone di Capitale europea della Cultura 2020. Una sfida non indifferente per una città un po’ ribelle, che ha sempre fatto di testa propria, puntando ad essere un tantino diversa dalle altre. E sarà proprio la diversità il suo punto di forza nel momento in cui si ritroverà a onorare l’importante titolo. Un’occasione imperdibile, dei cui benefici hanno goduto finora circa 50 città dell’Unione europea. Dei preparativi per il grande avvenimento si sta occupando, com’è ben noto, la società “Rijeka 2020”, che ieri ha convocato negli spazi della Camera d’economia croata (HGK), una conferenza stampa volta a invitare i potenziali patrocinatori, fornitori di prodotti e servizi, nonché sponsor, a farsi avanti e offrire la propria collaborazione per i vari eventi che si svolgeranno lungo tutto il 2020. Un partenariato che dovrebbe risultare utilissimo per la buona riuscita dell’evento e che potrebbe assicurare al capoluogo quarnerino risultati non indifferenti considerando i traguardi raggiunti dalle ex Capitali, e non soltanto in termini culturali. “Soltanto per fare qualche esempio, a Bruges in Belgio, il consumo turistico nell’anno del titolo è aumentato del 25 p.c., a Marsiglia, in Francia, è stato registrato l’arrivo in città di 2 milioni di turisti in più che l’anno precedente, mentre a Plzeň in Repubblica Ceca, i visitatori degli eventi CEC hanno speso complessivamente 21 milioni di euro”, ha sottolineato, nel corso dell’incontro, la responsabile del Settore per gli affari generali, giuridici ed economici della “Rijeka 2020“, Iva Grego, aggiungendo che è già in corso una serie di trattative con alcune grandi aziende, ma non c’è ancora il crisma dell’ufficialità.

    Presente alla conferenza stampa anche Emina Višnić, direttrice della società “Rijeka 2020”, dettasi fiduciosa per il successo che potrebbero avere le future collaborazioni. “Sono tanti e intensi i valori che caratterizzano il programma di CEC 2020 (che, ai sensi del vigente regolamento, verrà reso noto in forma ufficiale appena a settembre, nda). Ci sono il coraggio, la peculiarità, la progressività e l’ambizione: qualità indiscutibili, nelle quali potrà riconoscersi ciascun potenziale imprenditore. Quest’invito pubblico ha un’enorme importanza vista l’enormità del progetto, che definirei il più grande in assoluto di tipo culturale con cui Fiume e la Croazia hanno avuto modo di confrontarsi finora”, ha precisato auspicando che i futuri partner non si faranno attendere.

    Occasione da non perdere

    “L’occasione è assolutamente ghiotta e offre delle ottime opportunità di promozione nonché di un decisivo piazzamento sul vasto mercato, a partire da subito con consolidamento nel corso del 2020 – ha detto invece il numero uno della filiale fiumana dell’HGK, Vidoje Vujić –. L’anno prossimo sarà anche l’anno in cui la Croazia eserciterà la presidenza del Consiglio dell’UE. Un momento che va sfruttato al massimo, in tutti i settori, con accento su quello economico. È un treno che non dobbiamo perdere perché il progresso è a portata di mano”.
    Le future attività di “Rijeka 2020” si baseranno su una stretta collaborazione tra tutti i partner coinvolti e coinvolgeranno l’intera comunità. Obiettivo principale sarà assicurare un programma in grado di reggere le odierne sfide culturali, sociali ed economiche, le stesse con le quali si confronta giorno dopo giorno l’Europa di oggi. Fiume CEC punterà concretamente sul forte contributo che può dare la cultura nello sviluppo sostenibile a livello globale.
    L’invito di partenariato è rivolto a tutti i soggetti in cerca di novità e volonterosi di intraprendere un’avventura unica, che rientrano nelle seguenti categorie: media e comunicazione, gastronomia, ristorazione, attività creative, artistiche e d’intrattenimento, trasporto, tecnologia d’informazione e comunicazione, commercio, moda e design, assicurazione, ricerca e innovazione, meccanica e navalmeccanica, architettura ed edilizia, energia, servizio alloggi ed editoria.
    Gli interessati possono inoltrare la propria richiesta entro il 31 maggio tramite posta elettronica all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
    Informazioni al riguardo più dettagliate saranno disponibili a partire da oggi, 5 aprile, sul sito www.rijeka2020.eu.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 05 Aprile 2019 10:30

    Articoli più letti

    Error: No articles to display