Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Teatrino della CI Il restauro volge alla fine

    ALBONA | I lavori di restauro del soffitto e delle decorazioni del Teatrino della Comunità degli Italiani “Giuseppina Martinuzzi” procedono secondo i tempi stabiliti. È quanto confermato ieri in un comunicato stampa della Città di Albona rilasciato in seguito all’incontro tra il sindaco albonese Valter Glavičić e Marin Corva, presidente della Giunta esecutiva dell’Unione italiana, il quale ha visitato ieri Albona e il Teatrino. Il rinnovo della struttura era iniziato alla fine del 2017 con la ricostruzione del tetto, in cui erano state investite circa 600mila kune, di cui gran parte, 475mila kune, stanziata dall’UI.
    All’incontro hanno partecipato pure Anamarija Lukšić, assessore all’Assetto territoriale e all’Edilizia, e Daniela Mohorović, presidente della Comunità degli Italiani di Albona. I lavori di restauro del soffitto e delle opere che lo abbelliscono dalla fine dell’800, epoca in cui la struttura, precedentemente utilizzata come un magazzino per il grano, fu adattata a teatro, erano affidati, dalla Città, alle società “Kapitel” di Gimino e “Ars restauro” di Sinj. La prima delle due ha eseguito i lavori edili, che erano avviati nel 2018 e hanno interessato il rifacimento dell’intonaco del soffitto, svolto in due fasi. Il valore di questi interventi è pari a circa 331mila kune, IVA inclusa. È di 300mila kune il valore dei lavori di restauro delle decorazioni, affidato alla società “Ars restauro”. Le opere si attribuiscono all’artista polese Giovanni Demori e furono restaurate due volte nel corso del ‘900, alla fine degli anni ’20 (a opera di De Franceschi) e negli ultimi degli anni ’70 (in quest’ultimo caso a eseguire il restauro era stato l’artista accademico albonese Eugen Kokot). Il restauro delle decorazioni, pianificato in due fasi, dovrebbe essere concluso entro metà maggio.
    “Dopo la conclusione di questa quarta fase si pianifica l’avvio dei lavori di sostituzione del parquet. Seguirà, in un secondo tempo, la ricostruzione delle installazioni dell’intero edificio, come pure quelle del palcoscenico e della facciata, il tutto per far risplendere questa struttura, che ha un valore inestimabile”, ha dichiarato il sindaco Glavičić.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 19 Aprile 2019 10:21