Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Umago, nuova campagna per la raccolta differenziata

    By Franco Sodomaco Aprile 26, 2019 55

    UMAGO | Con una guida per la cittadinanza intitolata “Ama Umago, fai la differenza“, la Città di Umago ha avviato un progetto di natura ecologica cofinanziato dal Fondo di coesione dell’Unione europea. Si tratta di un opuscolo bilingue stampato per la corretta gestione dei rifiuti e presentato al Municipio di Umago dall’assessore alle Attività sociali, Slaviša Šmalc.

    Il problema dei rifiuti è diventato uno dei più importanti a livello europeo: solo Umago produce annualmente 7.700 tonnellate di rifiuti, di cui solo il 13% viene differenziato.
    Fino al 2023, in base alle nuove disposizioni governative che sono legate a quelle europee, almeno la metà dei rifiuti dovrà essere differenziata. Per migliorare la situazione, la Città ha avviato questo nuovo progetto, del costo di 641mila kune di cui 499mila assicurate dall’Unione europea. L’obiettivo è quello di raggiungere, nei prossimi 20 mesi, una gestione migliore dei rifiuti urbani incoraggiando la cittadinanza a selezionare lo smaltimento dei rifiuti.
    Il progetto comprende 14 fra corsi e campagne informative che interesseranno non solo la cittadinanza, ma anche le scuole materne, le scuole elementari, le istituzioni e le società commerciali. Essendo Umago una città turistica, i manifesti e gli opuscoli saranno in 5 lingue, in modo da indirizzare anche gli ospiti ad attenersi alla raccolta differenziata. Inoltre, saranno distribuiti alla cittadinanza 3.250 contenitori più piccoli per lo smaltimento dei rifiuti come la plastica, la carta e il cartone.
    Nella zona comunale, tra l’altro, opera il Centro di raccolta dove si possono depositare gratuitamente tutti i tipi di rifiuti di origine domestica e non solo. Ci sono anche contenitori per i solventi, acidi alcali, sostanze fotochimiche, pesticidi, lampade fluorescenti, farmaci scaduti, batterie e accumulatori, schermi computer, carta, cartone, imballaggi, vetro, plastica, lastre di vetro, indumenti, calzature, oli e grassi, materiale edile, gomme d’auto ecc. La lista e lunga come la fila di container che il Centro ha messo a disposizione della cittadinanza.
    L’opuscolo in croato e in italiano è stato stampato in 10mila copie e spiega molto bene come e dove smaltire correttamente tutti i rifiuti, da quelli ingombranti a quelli domestici. Umago, negli ultimi dieci anni ha speso decine di milioni di kune per risanare la discarica di Pizzudo, dove finivano i rifiuti di tutto l’ex Buiese, e dove è stato costruito un moderno centro di smistamento per alimentare quello regionale di Castion, ma c’è ancora molto da fare per sensibilizzare la cittadinanza.
    Molti rifiuti non biodegradabili come la plastica finiscono in mare e le azioni ecologiche di primavera dei sub locali non bastano per mantenerlo pulito. La plastica naviga con le correnti e lungo la nostra costa viene portata anche dai fiumi: inoltre ci sono migliaia di diportisti che se ne fregano dello smaltimento dei rifiuti. Dunque, per mantenere l’ambiente pulito, mare compreso, c’è ancora molto da fare. Interessante notare che con il riciclaggio di una tonnellata di carta si salvano 4 alberi, 40mila litri d’acqua e il 40% dell’energia di produzione, riducendo anche l’inquinamento atmosferico.
    L’energia risparmiata riciclando una bottiglia di vetro è sufficiente per 4 ore di funzionamento di una lampadina da 100 Watt! Riciclando una lattina di alluminio si risparmia energia sufficiente per 3 ore di funzionamento di un computer o 2 ore di funzionamento della Tv! ll modo più ecologico ed economico per gestire i rifiuti verdi, generati dalla potatura di alberi, cespugli e viti dalla falciatura dell’erba e da altri rifiuti di giardinaggio, è il compostaggio. Per quantità maggiori, nonché per artigiani e persone giuridiche, il prezzo del servizio è di 30 kn/m3. Il centro di raccolta per questo tipo di rifiuti è allestito nelle apposite aree della discarica di Pizzudo di Sotto.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 27 Aprile 2019 09:47