Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Print this page

Cani, c’è da fidarsi sempre

By Marko Mrenović Marzo 17, 2019 299

Questo fine settimana sui campi del Centro di addestramento cinofilo Canis Optimus si è tenuta la prima prova del Campionato nazionale 2019 dei cani da lavoro, di utilità e da difesa, una manifestazione cinotecnica e sportiva organizzata con lo scopo di mettere in evidenza le qualità del cane, nonché la sua attitudine ad apprendere l’addestramento specifico. Le prove hanno infatti l’obiettivo di individuare e di fare conoscere, ai fini dell’allevamento, i soggetti dotati di carattere e più idonei al lavoro, a mantenerli in salute e a diffondere lo sport con il cane, nonché un corretto rapporto uomo – cane. Lo ha detto Nikola Geček, della Canis Optimus, il quale ha spiegato che tutte le prove svoltesi nel fine settimana sono state organizzate nel pieno rispetto nel nuovo regolamento IGP Utilità e Difesa (Internationale Gebrauchshunde Prüfungsordnung-International Utility Dogs Regulations) entrato in vigore soltanto il primo gennaio di quest’anno. Ma in che cosa consistono queste prove? A spiegarlo è stato sempre Nikola Geček, dalle cui parole si apprende che, per certi versi, l’utilità e difesa, è paragonabile all’equitazione, perché ha per protagonisti uomini e animali che lavorano in perfetta sintonia. Il responsabile dell’associazione cinofila istriana ha sottolineato pure che le prove sono suddivise in tre livelli (Ipo 1, Ipo2 e Ipo 3) cui corrisponde un determinato grado di difficoltà. L’Ipo 3 è il livello più alto ed è anche quello che hanno dovuto affrontare i cani e i conduttori presenti a Fasana nel fine settimana. Geček ha quindi rilevato che i 15 cani presenti alla prima prova del Campionato nazionale hanno dovuto affrontare tre prove: pista, obbedienza e difesa. Per quanto riguarda la pista, i cani hanno dovuto dimostrare di avere un buon fiuto e un’ottima concentrazione percorrendo un percorso e scovando alcuni oggetti sistemati in precedenza lungo il percorso. Per quanto riguarda, invece, le prove d’obbedienza, Geček sottolinea che la cosa più importante è la sintonia tra cane e conduttore. Sintonia che di certo non è mancata ai conduttori e ai cani presenti ieri a Fasana, più che precisi nei movimenti. La prova più interessante e maggiormente apprezzata dal pubblico presente ieri sui campi della Centro Canis Optimus è stata senz’ombra di dubbio quelle riservata alla difesa e all’attacco, dove i cani hanno dimostrato non soltanto obbedienza, ma anche una formidabile concentrazione. Una prova dove cane e uomo (il figurante) lottano per contendersi una preda (la manica), il tutto sotto lo sguardo attento del conduttore, che in coppia con il suo fedele amico a quattro zampe simula la ricerca di un malvivente, la sua cattura e la sua condotta alle autorità. Durante tutta la durata della prova, il cane deve dimostrare non soltanto bravura nell’eseguire i comandi impartitigli, ma anche temperamento, velocità di reazione e determinazione nell’affrontare e contrastare il figurante. Dall’altra parte, però, deve dimostrare docilità e obbedienza nei confronti del conduttore. Alla prima prova del Campionato nazionale dei cani da lavoro di utilità e di difesa hanno partecipato complessivamente 15 cani. I prossimi appuntamenti si terranno all’inizio dell’estate a Zagabria e il prossimo autunno a Vinkovci.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Lunedì, 18 Marzo 2019 08:58