Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Arena Hospitality Group. Restyling da mezzo miliardo

    By Marko Mrđenović Marzo 20, 2019 387

    Il 2019 e i prossimi tre anni vedranno importanti novità per l’Arena Hospitality Group. Le strutture del gruppo alberghiero saranno infatti oggetto di restyling per rendere ancora più competitiva l’offerta della società polese. “Arena Hospitality Group continua a investire nel miglioramento dei prodotti e dei servizi offerti per rispondere e anticipare quelle che sono le esigenze della clientela sempre più attenta alla qualità” ha detto Reli Slonim, che assieme a Manuela Kraljević, del Consiglio d’amministrazione, e a Luka Cvitan, responsabile dei rapporti con gli investitori, ha presentato in anteprima il nuovo piano degli investimenti fino al 2022. Un piano decisamente ambizioso. L’Arena Hospitality Group prevede infatti di investire nella ristrutturazione e nel restyling delle proprie strutture oltre mezzo miliardo di kune. Settanta sono stati già investiti l’anno scorso a Pomer, dove la società polese ha completamente ridisegnato l’aspetto di uno dei suoi villaggi turistici, trasformato nel primo vero glamping resort della Croazia. I vecchi bungalow sono stati sostituiti con 199 lussuosissime tende dotate di tutti i comfort. Il villaggio di Pomer è stato inoltre arricchito con un’area wellness all’aperto, un centro benessere, un’oasi di relax che offre agli ospiti una straordinaria esperienza di benessere e una miriade di trattamenti. L’area wellness offre infatti la possibilità di immergersi in vasche calde o di lasciarsi cullare da un idromassaggio. Inoltre, il centro benessere dispone di una stanza della pioggia e di un angolo riservato alla meditazione e allo yoga. Come ricordato dall’amministratore delegato del gruppo alberghiero polese, il villaggio turistico di Pomer – ribattezzato Arena One 99 Glamping – dispone oggi anche di un ottimo ristorante, di diversi lounge e beach bar, di un supermercato, di un centro sportivo e di sentieri riservati alle biciclette.

    Lo chiameremo « Arena Kažela Campsite»

    Reli Slonim ha quindi annunciato che il prossimo autunno partirà il completo restyling del campeggio di Kažela a Medolino, dove i vertici dell’Arena Hospitality Group prevedono di investire ben 128 milioni di kune. A lavori ultimati, il villaggio turistico potrà ospitare fino a 5mila persone. Un quarto della superficie totale del futuro Arena Kažela Campsite sarà riservato ai naturisti. L’amministratore delegato ha inoltre sottolineato che sui tradizionali lotti l’Arena Kažela Campsite metterà a disposizione degli ospiti ben 285 mobil home, 165 delle quali saranno extra lusso. E ancora, la struttura sarà arricchita con due ampie piscine. La prima avrà una superficie di 600 metri quadrati e sarà dotata di uno spazio riservato ai bambini, di uno scivolo e di un solarium all’aperto. La seconda piscina, denominata “relax”, avrà invece una superficie di 400 metri quadrati e sarà costruita nel mezzo della zona più esclusiva del villaggio. Il progetto prevede poi anche la ricostruzione completa della reception e la costruzione di nuovi bar e aree riservate alle attività ricreative e sportive.

    Pensando all’«Arena Verudela Beach»

    ​Il prossimo investimento in programma quest’anno riguarda una struttura tedesca: l’Art’otel Kudamm di Berlino. Accanto ai 7 hotel, ai 5 villaggi turistici e agli 8 campeggi che possiede in Istria, l’Arena Hospitality Group gestisce anche alcuni alberghi in Ungheria e in Germania. E proprio nel suo hotel tedesco, la società polese investirà quest’anno 53 milioni di kune. Anche in questo caso, i vertici aziendali contano di procedere con un restyling della struttura, che sarà trasformata in un lussuoso boutique hotel a quattro stelle. Lo stesso numero di stelle che dovrebbe avere l’Arena Verudela Beach, Apartments e Villas, ossia il complesso di appartamenti e villette che l’Arena Group possiede a Verudella. Anche in questo caso i lavori di ristrutturazione inizieranno il prossimo autunno e proseguiranno fino al 2020. Complessivamente, il restyling dell’Arena Verudela Beach costerà 60 milioni di kune. Il progetto prevede il restyling di tutti gli appartamenti e di tutte le ville, che saranno arredate con mobili moderni e saranno dotate di tutti i comfort possibili.

    Hotel Brioni, da ranocchio a principe

    L’ultimo e più dispendioso investimento (oltre 190 milioni di kune) partirà, infine, nel 2020. Lo ha rilevato sempre Reli Slonim, annunciando che l’anno prossimo l’Arena Hospitality Group darà il via alla completa ristrutturazione dell’Hotel Brioni di Verudella. Anche in questo caso l’obiettivo dei vertici societari è quello di trasformare la struttura in un albergo di lusso, che dovrebbe aprire le porte agli ospiti nel 2022. “Siamo un gruppo dinamico e sempre al lavoro per rinnovare l’offerta e migliorare giorno dopo giorno le nostre strutture” ha commentato l’amministratore delegato, aggiungendo che quello appena presentato è un piano di investimenti impressionante. Terminata la presentazione dell’ambizioso programma, la parola è stata ceduta a Luka Cvitan, il quale ha rilevato che l’Arena Hospitality Group ha chiuso il 2018 con ricavi record. L’anno passato le entrate del gruppo alberghiero hanno sfiorato i 750 milioni di kune, crescendo del 5 per cento in confronto al 2017. “Rispetto all’anno precedente, nel 2018 sono cresciuti di alcuni punti percentuali anche gli utili dell’azienda” ha detto il responsabile dei rapporti con gli investitori, precisando poi che il 30 per cento dei ricavi è stato generato dalle strutture in Germania e Ungheria. “Il nostro obiettivo è continuare in questa direzione” ha detto Cvitan, aggiungendo che grazie ai suoi alberghi in Paesi diversi dalla Croazia l’Arena Hospitality Group non dipende esclusivamente dal mercato interno e dalle fluttuazioni stagionali delle presenze turistiche. “Gestire strutture di nostra proprietà al di fuori della Croazia porta inoltre benefici anche ai nostri dipendenti, soprattutto stagionali, che durante l’inverno hanno la possibilità di lavorare all’estero prima di rientrare in Istria per l’alta stagione” ha concluso il responsabile dei rapporti con gli investitori.
    A margine della conferenza stampa di presentazione del piano degli investimenti 2019 – 2022, i rappresentanti dei media hanno avuto l’opportunità di vedere in anteprima quale sarà l’aspetto delle camere del nuovo Hotel Brioni, dove una delle stanze – lussuosa davvero – è già stata completamente ristrutturata.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 20 Marzo 2019 10:09

    Articoli più letti

    Error: No articles to display