Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Reddito di cittadinanza. Cos’è e come funziona?

    By Marin Rogić Marzo 04, 2019 329
    Reddito di cittadinanza. Cos’è e come funziona? Dusko Jaramaz/PIXSELL

    Il Consiglio dei Ministri del 17 gennaio 2019 ha approvato il Reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia storico del Movimento 5 Stelle. Tra qualche giorno, a partire dal 6 marzo, sarà possibile inviare le richieste, mentre nei primi giorni di aprile sono previsti i primi versamenti ai beneficiari. Nonostante sia passato ormai più di un mese dalla sua approvazione, e nonostante la campagna informativa portata avanti dal governo per farlo conoscere a quante più persone possibili, leggi utenti finali, vige ancora una sorta di incognita, dubbi, o meglio, sono ancora molti che non hanno risposte a domande tipo chi ne può beneficiare?, di quali importi si tratta?, devo essere cittadino italiano o anche gli stranieri possono accedervi?, devo essere residente in Italia oppure anche i cittadini italiani che abitano all’estero possono fare domanda? Cerchiamo di rispondere a queste ed altre domande perché come ha sostenuto lo stesso vicepremier e capo politico dei 5 Stelle, Luigi di Maio, “l’obiettivo deve essere anche far conoscere la misura a tutti, perché l’informazione è un elemento importante, per permettere alle persone in difficoltà di conoscere quali strumenti sono a disposizione”.

    redcit
    Esclusi gli italiani residenti all’estero

    Il Reddito di cittadinanza, come abbiamo scritto, può essere richiesto dai cittadini italiani e da una serie di altri soggetti (cittadini di paesi dell’Unione europea o di paesi che hanno sottoscritto convenzioni bilaterali di sicurezza sociale con l’Italia o di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno Ue di lungo periodo), a condizione che al momento della domanda risiedano in Italia da almeno dieci anni in modo continuativo. Quindi, chi è all’estero e perde il posto di lavoro o decide comunque di rientrare non può presentare domanda. Chi è andato all’estero negli ultimi anni – e sono centinaia di migliaia, secondo le statistiche – per esperienze brevi di lavoro e poi è tornato, è escluso.

    Rate this item
    (0 votes)