Cultura

Un grande classico in veste metaforica

FIUME | È grande l’attesa per “Ivica i Marica” (Hänsel e Gretel), il balletto che si rifà sull’omonima celeberrima fiaba tedesca riportata dai fratelli Grimm, in programma venerdì 26 gennaio, nel Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc” di Fiume, con la coreografia di Gina Patterson, le animazioni, videoproiezioni e gli elementi scenografici di Marko Gutić Mižimakov, i costumi, le luci e i suoni rispettivamente di Petra Dančević Pavičić, Dalibor Fugošić ed Eric Midgley. Musica di Wolfgang Amadeus Mozart e fotografia di Jelena Janković.

Nei ruoli principali Michele Pastorini (Ivica) e Maria del Mar Hernandez (Marica); quindi Ksenija Duran Krutova (la madre/strega), Ali Tabbouch (il padre) e Hélias Tur Dorvault, Nika Lilek, Ricardo Campos Freire, Cristina Lukanec, Marta Kanazir, Irina Köteles, Tea Rušin, Marta Voinea Čavrak, Anca Nicoleta Zgurić, Laura Orlić, Daniele Romeo, Joseph Cane, Andrei Köteles e Svebor Zgurić (i mostri). Gli spiriti e gli alter ego verranno interpretati da Hélias Tur Dorvault, Nika Lilek, Marta Kanazir, Cristina Lukanec, Irina Köteles e Ricardo Campos Freire.

Nuove forze allo «Zajc»

“Quest’anno il nostro corpo di ballo ha assunto nuove forze – ha esordito il sovrintendente Marin Blažević nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri – e, di un totale di sei nuovi ballerini provenienti da tutte le parti del mondo, due prenderanno parte allo spettacolo che debutterà venerdì 26 gennaio, alle ore 19.30. Inoltre, il brano “Ivica i Marica” segna l’esordio europeo per la coreografa americana Gina Patterson”, ha detto ancora.


Uno spettacolo per tutti i gusti

“Il racconto di “Ivica i Marica” rimane abbastanza sconosciuto – ha precisato la direttrice del Balletto, Maša Kolar, nel suo intervento – ed è questa la ragione per cui abbiamo deciso di analizzare la fiaba dal punto di vista psicologico mediante gli elementi fondamentali che ne compongono la storia, ovvero la povertà, l’altruismo e la misericordia”. Pertanto, il balletto che dà vita a una piattaforma per la crescita interiore, è dedicato alle famiglie.

La primadonna Gina Patterson, autrice di oltre novanta brani teatrali, rilegge la celebre fiaba dei fratelli Grimm accentuandone gli aspetti di percorso iniziatico e di crescita: Hänsel e Gretel vengono lasciati soli nella foresta, incontrano la strega cattiva che li mette all’ingrasso per mangiarli ma, con astuzia e ingegno, si liberano di lei e tornano a casa con il suo gruzzolo. Per i figli è lo scontro con la realtà, con la paura, con le insidie della crescita: la fiaba è un vero e proprio percorso iniziatico durante il quale i due fratellini impareranno a crescere superando prove impegnative e dolorose, culminanti nell’incontro con la strega della quale si liberano grazie alla sensibilità e al buon senso, per ritornare alla famiglia, più sicuri di sé stessi e dei loro affetti.


La riflessione sul proprio agire

“Lo spettacolo costituisce una grande prova per me in quanto ho voluto reinterpretare questo grande classico con il mio idioma coreografico personale evitando in tutti i modi di banalizzarlo; facendo emergere alcuni elementi chiave molto attuali e, nello stesso tempo, rispettando il racconto originale – ha dichiarato Patterson –. Come artista, sono attratta dalla psiche umana, dal nostro agire, dalle nostre scelte e decisioni. M’interrogo sulle conseguenze dell’ambiente, della famiglia e della religione e su come questi influenzano la nostra vita e la nostra volontà”. I personaggi hanno un duplice aspetto. Gli spettatori potranno vedere ciò che i protagonisti sono stati in passato e ciò che sono ora. Il mondo spirituale è sempre presente e viene percepito mediante i sentimenti. La morte della realtà sociale e culturale genera un cambiamento della prospettiva. Il filo conduttore del racconto sono l’umanità, l’universalità, le aspirazioni, le paure e il mondo della fantasia.

“Nei pressi di una grande foresta viveva un povero taglialegna con sua moglie e i suoi due bambini. Il ragazzo si chiamava Hänsel e la bambina Gretel. Avevano poco da mangiare, e una volta, quando una grande carestia colpì la zona, egli non poté più procurare alla sua famiglia neanche il pane quotidiano...”. Inizia così la fiaba di Hänsel e Gretel, una fiaba classica, nata dalla penna dei fratelli Grimm per raccontare ai più piccoli una storia al contempo universale e popolare, un racconto di bene e male, di coraggio e magia.


Scoperta del mondo

Raccontare storie ha, da sempre, un grandissimo e misterioso potere. I racconti ci accompagnano nella crescita e nella scoperta del mondo: paragonandoci ai protagonisti delle storie, incontriamo parti di noi stessi, c’identifichiamo nelle paure, nelle scelte e nei desideri dei personaggi. Certe favole in particolare ci aprono mondi paurosi in cui possiamo tuffarci sapendo che qualcuno ci verrà a salvare, un lusso che nella vita non accade, ma che a teatro ci possiamo ancora e ci potremo sempre permettere. In questa fiaba, due fratelli (energia maschile ed energia femminile) lottano insieme per superare ostacoli, affrontare le più terribili prove archetipiche (la fame, l’abbandono e la morte) e crescere.


Piccoli eroi

Sono i piccoli i protagonisti e gli eroi di questa storia, nessun adulto è buono in Hänsel e Gretel: ogni spettatore adulto, guardando lo spettacolo, potrà “risvegliarsi dal letargo” e ogni bambino avrà, così, ispirazioni da accogliere. Nel contesto di codesta lettura, anche l’aspetto visivo va reinterpretato in una chiave specifica, quindi pure i costumi nella loro ricchezza simbolica dovranno esprimere il concetto espresso dalla Patterson. Ai costumi scuri e monocromatici quale simbolo di morte e depressione, si contrappongono i vestiti vivaci dei bambini, ideati da Petra Dančević Pavičić. La trasparenza dei materiali crea l’aspetto magico delle fate e della loro irrealtà. Alla conferenza stampa presenti anche i ballerini Michele Pastorini, Maria del Mar Hernandez, Marta Kanazir e Nika Lilek.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 123 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
-3 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

Thumbnail LUBIANA Sono trascorsi dieci anni dalla morte di Janez Drnovšek (Celje 1950 – Zaplana 2008). Ieri, nell’anniversario della sua scomparsa, lo statista sloveno è stato ricordato in modo solenne. A...
More inPolitica  

Fiume

Thumbnail Nell’ambito della manifestazione “Una Fiume di psicologia”, che si conclude domani, nella Scuola elementare italiana San Nicolò ha avuto luogo un laboratorio intitolato “Giochi per lo sviluppo del...
More inCronaca fiumana  

Istria

Thumbnail UMAGO In occasione della Settimana internazionale della madrelingua la Comunità degli Italiani “Fulvio Tomizza” di Umago ha organizzato una serata intitolata “I nostri nonni cantavano così...”,...
More inCronaca istriana  

Pola

Thumbnail Sfidano un freddo eccezionale le maestranze dell’impresa “Vladimir Gortan” di Pisino e della “TGT Adriatik” di Pola, pur di accelerare i tempi al cantiere del futuro annesso del cimitero civico di...
More inCronaca polese  

Capodistria

Thumbnail In regione si moltiplicano i timori per l’ondata di freddo polare che secondo gli esperti interesserà la fascia costiera a partire da domenica. Le preoccupazioni maggiori in queste ore sono per gli...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

Thumbnail FIUME | Si è tenuta ieri nel Palazzo municipale, la sesta riunione del Comitato per la cultura della Città di Fiume, presieduta da Zvonimir Peranić. Nel corso dell’incontro sono stati esaminati...

Sport

Thumbnail FIUME | “Mi è stato chiesto la Dinamo è favorita? Sì, per vincere il titolo lo è sicuramente. A Rujevica invece nessuna squadra può ritenersi tale, a parte il Rijeka”. Matjaž Kek, apparso...
More inSport  

Esuli e rimasti

Thumbnail Come molte cose che il destino mette sul nostro cammino, anche questa storia, che andiamo a narrarvi, viene scoperta per caso, ma al momento giusto. La nipote della nostra protagonista si chiama...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2018
13 Febbraio 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.03, 15 febbraio...
More inUltimo numero